Atac azienda speciale pubblica?

Lunedì, 01 Luglio 2019 13:05

Roma 6 luglio 2019, la FILT CGIL inocntra i promotori della legge di iniziativa popolare sui Beni Comuni Pubblici e Sociali Stefano Rodotà. È possibile un progetto per Roma Capitale oltre la criticità del sistema e della crisi in concordato fallimentare? I servizi di trasporto pubblico locale e delle municipalizzate possono essere portati fuori dalla logica delle privatizzazioni e degli affidamenti al massimo ribasso? È possibile inserire questo progetto nella dimensione dei Beni Comuni Pubblici e Sociali, in una diversa governance territoriale? È utile per Roma, per i cittadini, per i lavoratori e per l'ambiente?
Introduce Stefano Caroselli coordinatore romano comitato Beni Comuni Pubblici e Sociali Stefano Rodotà
Relazione introduttiva Raffaele Di Raimo - Ordinario di Diritto civile, docente Diritto Mercati Finanziari - Comitato Nazionale Beni Comuni Pubblici e Sociali Stefano Rodotà
Intervengono: Eugenio Stanziale - Segretario FILT CGIL Roma e Lazio Julian Colabello - PD Roma Andrea Secci - esperto economia aziendale e trasporti Leopoldo Nascia - Ricercatore Istituto Nazionale di Statistica Giulio Marcon - Sbilanciamoci Vittorio Sartogo - C.A.L.M.A. mobilità sostenibile
Conclude i lavori Natale Di Cola - Segretario CGIL Roma e Lazio

Pubblicato in TV - Beni Comuni

Pubblicato su Sbilanciamoci! (visualizza articolo originale) il 27/11/2014

 

 Le contro-misure di Sbilanciamoci! valgono 27 miliardi

Dimensioni: 27 miliardi. Saldo: zero. 84 proposte
E’ la contromanovra di Sbilanciamoci! 2015

 

SCARICA IL RAPPORTO DI SBILANCIAMOCI! 2015

SCARICA LA SCHEDA SINTETICA DEL RAPPORTO

Pubblicato in Economia

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.