Documento approvato dall’assemblea pubblica svolta a Crotone il12 e 13 luglio 2014, promossa da Coordinamento nazionale No Triv “Difesa dei Beni Comuni e revisione della Costituzione”.

È in corso un attacco alla nostra Costituzione, alla nostra democrazia, ai nostri territori.

Il quadro complessivo delle riforme costituzionali, unitamente alla riforma della legge elettorale, delinea una svolta autoritaria, che vanifica il sistema delle garanzie costituzionali e lascia presagire uno scenario istituzionale, a seguito del quale i cittadini avranno meno capacità decisionale.

Noi non siamo contrari ad una ipotesi di revisione della Costituzione, ma siamo contrari a questa revisione, che compromette la democrazia, minandola negli organi di rappresentanza territoriale, e che favorisce la blindatura della casta partitica in Parlamento.

Pubblicato in Ambiente

inceneritore 

di Patrizia Gentilini, pubblicato sul BlogFattoQuotidiano.it  8 settembre 2015

Mercoledi 9 settembre davanti a Montecitorio dalle ore 10 alle 14, in occasione della Conferenza Stato-Regioni, si terrà un presidio contro il Decreto noto come Sblocca Italia, indirizzato in particolare a contrastare lo “sdoganamento” dell’incenerimento dei rifiuti. Come è ormai ben noto – e sottolineato a più riprese  anche dal Il Fatto Quotidiano –  lo Sblocca Italia prevede infatti  l’ampliamento degli impianti esistenti e la costruzione di nuovi.

Pubblicato in Ambiente

Durante la manifestazione che si è svolta a Taranto in occasione del Primo Maggio organizzata dall'associazione Liberi e Pensanti, il video con l'intervento di Marco Travaglio che ricostruisce minuziosamente tutti i decreti "Salva ILVA" che sono stati fatti in questi anni dal governo Berlusconi, Monti, Letta, fino al decreto "Salva Bimbi" del governo Renzi decreti che hanno tutti come denominatore comune gli interessi dei Riva e della produzione a discapito della salute dei cittadini di Taranto che hanno continuato ad ammalarsi e a morire di inquinamento.

Pubblicato in TV - Manifestazioni

Ilva - Taranto

pubblicato da Peacelink.it il 3 marzo 2015

L'azienda accumula perdite mese dopo mese ma il sottosegretario dice che "è stata rimessa in fila". La legge di oggi non fornisce liquidità ma carica l'ILVA (che ha già un buco di 2,9 miliardi di euro) di nuovi debiti.

Pubblicato in Ambiente

nomuos

di Franco Mostacci pubblicato su IlFoglietto 17 febbraio 2015

Il Tar della Sicilia, accogliendo i ricorsi di Legambiente Sicilia e dell’Associazione No Muos, fa segnare un punto a favore di tutti coloro che si oppongono alla costruzione dell’impianto satellitare della Difesa americana nel comune di Niscemi (provincia di Caltanissetta), all’interno del parco naturale della Sughereta.

Pubblicato in Ambiente

Efficienza energetica

di Biancamaria Gentili pubblicato su IlFoglietto il 10 febbraio 2015

La diagnosi energetica degli edifici oggi si può realizzare grazie ad un software professionale, frutto della collaborazione tra il dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell'Università di Pisa e l’Enea.

Il nome dell'applicativo è Seas, realizzato nell'ambito dell'Accordo di Programma tra Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ed Enea per la Ricerca di Sistema Elettrico Nazionale.

Pubblicato in Ambiente

Roma 23 gennaio 2015 - Sala conferenze Fondazione Basso - I molteplici volti dell'ambientalismo - Presentazione del volume Giorgio Nebbia scritti di storia dell'ambiente e dell'ambientalismo 1970 - 2013 a cura di Luigi Piccioni
L'OPERA È CONSULTABILE E SCARICABILE COME NUMERO MONOGRAFICO DELLA RIVISTA ALTRONOVECENTO ALL'INDIRIZZO
http://www.fondazionemicheletti.it/altronovecento/

Pubblicato in TV - Libri

Naomi Klein: «L’austerity inquina il Pianeta»

Mercoledì, 04 Febbraio 2015 11:30

Naomi Klein

di Beppe Caccia pubblicato su IlManifesto il 4 febbraio 2015

Nomi Klein è una stu­diosa, gior­na­li­sta e atti­vi­sta che i movi­menti sociali hanno impa­rato a cono­scere negli anni. Autrice del for­tu­nato «NoLogo», ha par­te­ci­pato ai movi­menti noglo­bal sta­tu­ni­tensi e cana­desi. Ha poi seguito da vicino l’esperienza delle «fab­bri­che auto­ge­stite» argen­tine. Alcuni anni fa ha pub­bli­cato un impor­tante libro dove met­teva al cen­tro la paura come il sen­ti­mento usato dal potere costi­tuito per imporre poli­ti­che sociali e eco­no­mi­che neo­li­be­ri­ste (Shock eco­nomy, Riz­zoli). Incon­triamo Naomi Klein a Vene­zia, a mar­gine dell’evento di pre­sen­ta­zione dell’edizione ita­liana del suo ultimo libro, Solo una rivo­lu­zione ci sal­verà (Riz­zoli. Il volume è stato pre­sen­tato il 21 set­tem­bre del 2014 su que­ste pagine).

Pubblicato in Ambiente

pubblicato su ansa.it il 26/11/2014

BRUXELLES, 26 NOV - Fino a 61 mld in 4 anni. Ilva Taranto tra grandi inquinatori. L'Italia, con oltre 1300 impianti produttivi, è fra i Paesi Ue con le industrie più inquinanti - a partire dall'Ilva di Taranto che si piazza al ventinovesimo posto nella 'top 30' europea - e le emissioni registrate fra il 2008 e il 2012 hanno provocato un danno economico al Paese oscillate fra 26 e 61 miliardi di euro (la cifra varia in base ai parametri utilizzati per calcolare il 'valore' della vita).

Pubblicato in Ambiente
Pagina 2 di 2

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.