Azione Civile - Assemblea dei territori

Sabato, 10 Gennaio 2015 12:15

Roma 10 gennaio 2015 - Centro congressi Frentani - Assemblea dei territori di Azione Civile. La relazione introduttiva di Antonio Ingroia e gli interventi di: Giulia Rodano, Giusy Clarke Vanadia, Gian Luigi Ago, Sabrina Giancola, in collegamento skype Barbara Spinelli, Serena Cernecca, Romolo Rea, Nadia Cavalca, Florence Debray, Massimo Cerullo, in collegamento skype Argiris Panagopoulos, Rosalba Vitale, Antonello Falomi, Giuseppe Gallenti, Tiziano Grottolo, Alfredo Visconti, Antonio De Felice e Maurizio Sansone.

"A che punto sono la mafia e l'antimafia"

Venerdì, 24 Gennaio 2014 18:32

Il Fatto Quotidiano a sostegno della Procura di Palermo ha organizzato un evento a Palermo il 12 gennaio 2014 dal titolo "A che punto sono la mafia e l'antimafia". Gli interventi di: Antonio Padellaro, Barbara Spinelli, Roberto Scarpinato, Marco Travaglio, Vittorio Teresi, Antonino Di Matteo.

Pubblicato in TV - Mafie

L'Altra Europa nel Parlamento Europeo

Giovedì, 15 Gennaio 2015 15:19

Gli interventi e le interviste dei parlamentari dell'Altra Europa con Tsipras: Barbara Spinelli - Eleonora Forenza - Curzio Maltese.
Ultimo video aggiunto 15/01/2015

Pubblicato in Tv - L'Altra Europa

La divina sorpresa che viene da Atene

Martedì, 27 Gennaio 2015 13:30

di Rossana Rossanda pubblicato su Il Fatto Quotidiano il 27/01/2015

 

CONTRO L’ORTODOSSIA

Nella storia francese, quel che è accaduto domenica in Grecia ha un nome: si chiama “divine surprise”. Il maggio 68 fu una divina sorpresa, e prima ancora – il termine fu coniato da Charles Maurras – l’ascesa al potere di Pétain. La storia inaspettatamente svolta, tutte le diagnosi della vigilia si disfano. Fino a ieri regnava l’ortodossia, il pensiero che non contempla devianze perché ritenuto l’unico giusto, diritto. L’incursione della sorpresa spezza l’ortodossia, apre spazi ad argomenti completamente diversi.
La vittoria di Alexis Tsipras torce la storia allo stesso modo. Non è detto che l’impossibile diventi possibile, che l’Europa cambi rotta e si ricostruisca su nuove basi.

Non avendo la maggioranza assoluta, Syriza dovrà patteggiare con forze non omogenee alla propria linea. Ma da oggi ogni discorso che si fa a Bruxelles, o a Berlino, a Roma, a Parigi, sarà esaminato alla luce di quel che chiede la maggioranza dei greci: una fondamentale metamorfosi – nel governo nazionale e in Europa – delle politiche anti-crisi, dei modi di negoziare e parlarsi tra Stati membri, delle abitudini cittadine a fidarsi o non fidarsi dell’Unione.

Pubblicato in Europa

Sinistra verso una casa comune

Sabato, 17 Gennaio 2015 14:04

L'Altra Europa

di Riccardo Chiari pubblicato su Il Manifesto il 17/01/2015

L'Altra Europa. L’addio di Cofferati emoziona i partecipanti. «E’ il punto di non ritorno tra Pd e mondo del lavoro»

Negli ampi spazi del Nuovo cinema Nosa­della, esau­rito in ogni ordine di posti per l’assemblea dell’Altra Europa con Tsi­pras, può suc­ce­dere anche di tro­vare nel retro­bot­tega il poster di un film uscito la scorsa estate. Dimen­ti­ca­bile (a par­tire dalla cop­pia di pro­ta­go­ni­sti Barrymore/Sandler) ma con un titolo piut­to­sto ade­rente agli svi­luppi della gior­nata: «Insieme per forza». Anche per amore. «Per tutti noi — ricorda fra gli applausi Panos Lam­prou di Syriza — il movi­mento con­tro la glo­ba­liz­za­zione è stato un inse­gna­mento. E siamo con­vinti che la sini­stra ita­liana possa sor­pren­dere ancora il mondo».

Pubblicato in a Sinistra

Contro un’Europa antropofagica

Giovedì, 15 Gennaio 2015 15:02

Barbara Spinelli

 

Di Barbara Spinelli pubblicato su sito personale il 14 gennaio 2015

 

Questo articolo sarà pubblicato sul quotidiano greco «I Avgi».

Se Syriza vince le elezioni del 25 gennaio, quel che sembrava impossibile potrebbe divenire possibile: un radicale cambiamento di rotta – non solo in Grecia ma nell’Unione europea – delle politiche anti-crisi, dei modi di negoziare e di parlarsi tra Stati membri, delle abitudini cittadine a fidarsi o non fidarsi dell’Unione. Fidarsi e ricominciare a sperare nell’Unione è oggi possibile solo in un’esperienza di lotta alla sua degenerazione liberista, alle sue tentazioni neonazionaliste e xenofobe, alla sua fuga dalla solidarietà: è quel che Alexis Tsipras promette.

Pubblicato in Europa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.