Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.altranews.it/home/components/com_k2/models/item.php on line 763

Chomsky sulla crisi dei migranti: "Il risultato dei crimini occidentali" In evidenza

Mercoledì, 27 Gennaio 2016 17:50

da l'Antidiplomatico, pubblicato il 26 gennaio 2016 Nell'individuare ciò che ha portato milioni di persone a fuggire dall'Africa e il Medio Oriente nel corso degli ultimi anni, il linguista di fama mondiale, Noam Chomsky (qui l'intervista integrale in inglese), fa riferimento all'intervento occidentale in Iraq e il rovesciamento di Muammar Gheddafi in Libia.

A parte il massacro e la distruzione, la brutale occupazione ha innescato un conflitto confessionale che sta ora lacerando il paese e l'intera regione", dice Chomsky. "L'invasione ha causato milioni di sfollati, molti dei quali sono fuggiti e sono stati assorbiti nei paesi vicini, paesi poveri che vengono lasciati soli ad affrontare in qualche modo con i detriti dei nostre crimini". Questa diaspora disperata ha portato alla nascita di gruppi terroristici come Daesh, noto anche come IS Stato islamico /, e alla guerra in corso in Siria. Eppure, nonostante il ruolo dell'Occidente nell'aver causato lo spostamento di decine di milioni di persone, le nazioni europee non sono disposte ad accettare la loro responsabilità e le conseguenze.

La governance dell'UE funziona in modo ottimale quando si tratta di imporre dure misure di austerità che devastano i paesi più poveri a beneficio delle banche del Nord", dice Chomsky. "Ma è quasi completamente inesistente quando si affronta una catastrofe umana che è in parte il risultato di crimini occidentali".
Mentre la Germania e la Svezia hanno finora accettato un alto numero di immigrati, queste nazioni stanno iniziando a chiudere i loro confini. Affermare che l'Europa non è in grado di assorbire un gran numero di migranti, l'UE sta usando la Turchia come uno stato cuscinetto.
"Gli sforzi europei. come noto, sono stati fare pressione sulla Turchia per mantenere la miseria e la sofferenza lontano da noi, proprio come gli Stati Uniti e il Messico. Il loro destino, una volta che siamo al sicuro dal contagio, ci preoccupa molto meno".
Chomsky si sofferma anche sul trattamento riservato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan alle comunità curde, e sul'arresto di critici accademici. Un certo numero di intellettuali di tutto il mondo - tra cui Chomsky - ha firmato una lettera di protesta contro la repressione di Ankara.
"Accademici turchi che hanno firmato la petizione sono stati arrestati e minacciati;. Altri sono stati aggrediti Nel frattempo la repressione di stato continua a crescere," dice.


"... Accademici turchi e altri hanno dimostrato notevole coraggio e integrità nell'opporsi vigorosamente ai crimini di stato, in un modo raramente visto altrove, rischiando e talvolta subendo severe punizioni per la loro presa di posizione".      "Da diversi anni, Erdogan ha adottato misure per consolidare il suo potere, invertendo gli incoraggianti passi verso la democrazia e la libertà in Turchia degli anni precedenti.


Sulla crisi finanziaria greca, Chomsky accusa i creditori europei di imporre riforme economiche e sociali irrealistiche al popolo greco. "Le condizioni imposte alla Grecia nell'interesse dei creditori hanno devastato il paese," dice. "L'obiettivo del sadismo non è il popolo greco, in particolare, ma [in realtà] chiunque osi immaginare che la gente possa avere diritti che iniziano a contrastare con quelli delle istituzioni finanziarie e degli investitori.
"Molto in generale, le misure di austerità durante la recessione non avevano senso economico, come riconosciuto anche dagli economisti del FMI", Chomsky aggiunge. "E' difficile considerarle come qualcosa di diverso da una guerra di classe, cercando di annullare le conquiste democratiche sociali che sono state uno dei maggiori contributi europei alla civiltà moderna."


Gli attacchi contro la democrazia sociale non sono solo limitati al trattamento della Grecia da parte dell'Ue. Politiche economiche sbagliate hanno creato un divario di ricchezza sempre più ampio, in cui l'1% più ricco della popolazione mondiale presto  controllerà oltre la metà di tutta la ricchezza mondiale.
"La democrazia sociale, e non solo la sua variante europea,  è stata sotto attacco nel periodo neoliberista della passata generazione, una circostanza dannosa per la popolazione in generale e della quale hanno beneficiato le piccole élite".


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.altranews.it/home/templates/jf_taman/html/com_k2/portfolio/item.php on line 228
Letto 599 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.