Trivelle Referendum, i falsi argomenti del «no» In evidenza

Giovedì, 24 Marzo 2016 20:54
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Enzo Di Salvatore pubblicato su il Manifesto il 18 marzo 2016

I sostenitori del «no» al referendum abrogativo sulle estrazioni di idrocarburi in mare utilizzano due argomenti principali: il fabbisogno energetico nazionale e i posti di lavoro. Entrambi gli argomenti, però, costituiscono un falso problema.

Vota questo articolo
(0 Voti)

 Fukushima

di Alessandra Borrella, pubblicato su Repubblica.it il 9 marzo 2016

Gli abitanti vengono forzati a rientrare nelle loro case, nonostante la contaminazione sia ancora a livelli altissimi, per bloccare i risarcimenti agli evacuati dal 2018. Lo conferma anche un rapporto di Greenpeace.

Vota questo articolo
(0 Voti)

 Berta Caceres

di Adriana Spera, pubblicato su IlFoglietto il 10 Marzo 2016

Uccisa, ua settimana fa, con quattro colpi di pistola, mentre dormiva nella sua casa di Esperanza Intibucà, Berta Caceres, l'ecologista indigena honduregna nota per le sue battaglie a difesa dell'ambiente.

Vota questo articolo
(0 Voti)

 glifosato

di Patrizia Gentilini, pubblicato su FattoQuotidiano.Blog il 2 marzo 2016

E’ in corso in questi giorni un grande dibattito circa la ri-autorizzazione del glifosate, l’erbicida più diffuso al mondo (25% del mercato mondiale) ed attualmente il prodotto più venduto in Italia: 1795, 1 tonnellate nel 2012 (fonte Sian 2012). L’autorizzazione è scaduta il 31 dicembre scorso, ma è stata prorogata a giugno 2016 e sembra che, purtroppo, tutti gli Stati membri, escluso la Svezia, si apprestano a ri-autorizzarlo per altri 15 anni.

Porto Marghera, la bonifica incompiuta In evidenza

Giovedì, 28 Gennaio 2016 21:24
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Ernesto Milanesi pubblicato su Il Manifesto il 27 gennaio 2016

Dopo gli arresti per il Mose, nel 2014, tutto si è fermato: ne fanno le spese gli abitanti della laguna. Tutti i dati nel report della Commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti: area senza «cintura di sicurezza», «varchi» nei terreni fanno passare il percolato inquinante. «Serve un intervento di Comune e Regione»

Oltre un miliardo di euro: è la rigenerazione, ancora incompiuta, di Portomarghera. L’emblema dell’inquinamento criminale della laguna, ma soprattutto il simbolo di un sistema che metabolizza risorse a senso unico e paralizza Venezia.

Il metodo scientifico della nonna e gli ogm

Giovedì, 21 Gennaio 2016 18:01
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Pietro Perrino, pubblicato su IlFoglietto Il 6 gennaio 2016,

Il giorno della Befana, su Repubblica.it Cultura, Piergiorgio Odifreddi, noto matematico e divulgatore scientifico italiano, ci ha regalato un’intervista fatta a Richard Roberts, chimico e biologo inglese, vincitore del Nobel per la Medicina 1993 (per la scoperta dello splicing dei geni). Il titolo dell’intervista è: Richard Roberts: “Il metodo scientifico? Farsi capire dalle nonne”. Odifreddi precisa che “Roberts è attivamente impegnato nella diffusione del sapere scientifico, e al meeting interdisciplinare dei premi Nobel tenuto nel 2015 a Lindau ha lanciato un appello ai suoi colleghi affinché si coalizzino contro una delle grandi superstizioni del mondo moderno: l’idea, cioè, che gli organismi geneticamente modificati …”. I puntini sono miei, perché la frase è incompleta.

Data l’importanza dell’argomento, ho pensato di commentare le risposte del premio Nobel e di pubblicarle, sperando di fare un gradito, anche se modesto, assist a Odifreddi.

Vota questo articolo
(0 Voti)

di Antonio Marfella, pubblicato sul FattoQuotidiano Blog il 20 gennaio 2016

Gent.mo presidente Vincenzo De Luca, mi permetto di scriverle direttamente poche righe perché, martedì 19 gennaio 2016, il mio animo è stato ulteriormente ferito e rattristato dalle notizie riportate oggi dagli organi di stampa. Leggo che la SV si arrabbia con i poveri colleghi dell’Iss: null’altro hanno fatto che il proprio dovere seguendo le normali procedure nel pubblicare a settembre 2015 sul proprio Bollettino Istisan i dati prodotti sin dal luglio del 2014.

Smog, per il governo si combatte con il Milleproroghe In evidenza

Venerdì, 08 Gennaio 2016 12:08
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Gianfranco Amendola pubblicato su Il Fatto Quotidiano l' 8 gennaio 2016

Mentre, a fine anno, l’Italia soffocava nello smog, il governo, zitto zitto, che ti ha fatto? Ha approvato un bel decreto legge Milleproroghe con cui ha prorogato di un anno, al 1 gennaio 2017, la entrata in vigore dei limiti stabiliti dall’Europa per le emissioni dei grandi impianti di combustione, i quali avevano già avuto ben 10 anni di tempo (dal 2006 al 1 gennaio 2016) per adeguarvisi.

Quindi, per almeno un altro anno – fino al prossimo Milleproroghe – la nostra salute sarà ancora “tutelata” con dei limiti che, da tempo, sono stati ripudiati in sede europea perché ritenuti troppo blandi.

Pagina 1 di 5

Agenda

Nessun evento trovato

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.