Venerdì, 08 Aprile 2016 06:42

La democrazia senza morale

di Stefano Rodotà pubblica su La Repubblica 8 aprile 2016

 

Nel marzo di trentasei anni fa Italo Calvino pubblicava su La Repubblica un articolo intitolato Apologo sull’onestà nel paese dei corrotti. Vale la pena di rileggerlo (o leggerlo) non solo per coglierne amaramente i tratti di attualità, ma per chiedersi quale significato possa essere attribuito oggi a parole come “onestà” e “corruzione”. Per cercar di rispondere a questa domanda, bisogna partire dall’articolo 54 della Costituzione, passare poi ad un detto di un giudice della Corte Suprema americana e ad un fulminante pensiero di Ennio Flaiano, per concludere registrando il fatale ritorno dell’accusa di moralismo a chi si ostina a ricordare che senza una forte moralità civile la stessa democrazia si perde.

Pubblicato in Politica

Assemblea 11 gennaio 2016 "Costituzione 1° Bene Comune" indetta dal Comitato per il no nel referendum costituzionale.
Presiederanno Alfiero Grandi e Domenico Gallo del Coordinamento Democrazia Costituzionale.
Introdurrà i lavori il prof. Alessandro Pace
Interverranno:
prof. Gaetano Azzariti, avv. Felice Besostri, prof. Lorenza Carlassare, prof. Gianni Ferrara, prof. Stefano Rodotà, prof. Massimo Villone
Intervento conclusivo prof. Gustavo Zagrebelsky

Pubblicato in TV - W la Costituzione

«Il premier Renzi governa come se ci fossero già l’Italicum e la nuova Costituzione. Il presidente Mattarella non distoglierà lo sguardo da questa situazione. Il bipolarismo crolla ma non c’entra il populismo. I partiti non sanno più leggere la società»

Intervista di Andrea Fabozzi a Stefano Rodotà pubblicata sul Il Manifesto il 31 dicembre 2015

«Il populismo è una spiegazione troppo semplice. I partiti tradizionali non riescono più da tempo a leggere la società. Non è populismo, è crisi della rappresentanza». L’intervista con Stefano Rodotà comincia dal giudizio sui risultati elettorali in Francia e Spagna.

Pubblicato in Politica
Venerdì, 20 Novembre 2015 21:23

LE RAGIONI DEL NO

Roma 20 novembre 2015

Questa lettera che il prof. Alessandro Pace ha inviato a tutti i Deputati nella veste di Presidente del neocostituito Comitato per il No nel referendum costituzionale è stata trasformata in petizione che vi invitiamo a firmare  https://www.change.org/p/ai-deputati-le-ragioni-del-no

 

COMITATO PER IL NO NEL REFERENDUM COSTITUZIONALE SULLA LEGGE RENZI-BOSCHI

 

Pubblicato in Politica

Roma, 16 novembre 2015

Appello ai presidenti della Camera e del Senato e ai deputati e ai senatori della Repubblica per la sospensione della discussione sulla riforma costituzionale Renzi-Boschi
In un tornante della storia, quale si va profilando in conseguenza della mattanza occorsa il 13 novembre a Parigi per opera di seguaci del Daesh, il Direttivo del Comitato per il No al referendum costituzionale sulla riforma Renzi-Boschi, chiede al Presidente della Camera dei deputati e ai Presidenti dei gruppi parlamentari di rinviare a data da destinarsi la discussione, già fissata per il prossimo 20 novembre, davanti alla Camera dei deputati, per l’approvazione, in prima deliberazione, del d.d.l. cost. n. 2613-B.

Pubblicato in Politica
Mercoledì, 14 Ottobre 2015 08:28

La peggiore riforma

testo di Gaetano Azzariti, Lorenza Carlassare, Gianni Ferrara, Alessandro Pace, Stefano Rodotà, Massimo Villone pubblicato da il manifesto il 13 ottobre 2015 - Que­sto testo può essere sot­to­scritto scri­vendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La pro­po­sta di legge costi­tu­zio­nale che il senato voterà oggi dis­solve l’identità della Repub­blica nata dalla Resi­stenza. È inac­cet­ta­bile per il metodo e i con­te­nuti; lo è ancor di più in rap­porto alla legge elet­to­rale già approvata.

Nel metodo: è costruita per la soprav­vi­venza di un governo e di una mag­gio­ranza privi di qual­siasi legit­ti­ma­zione sostan­ziale dopo la sen­tenza con la quale la Corte costi­tu­zio­nale ha dichia­rato l’illegittimità del «Por­cel­lum». Mol­te­plici for­za­ture di prassi e rego­la­menti hanno deter­mi­nato in par­la­mento spac­ca­ture insa­na­bili tra le forze poli­ti­che, giun­gendo ora al voto finale con una mag­gio­ranza rac­co­gli­tic­cia e occa­sio­nale, che nem­meno esi­ste­rebbe senza il pre­mio di mag­gio­ranza dichia­rato illegittimo.

Pubblicato in Politica

Roma Assemblea Nazionale della Coalizione Sociale - Plenaria del 7 giugno 2015 Roma - Centro Congresso Frentani

ASSOCIAZIONI, MOVIMENTI, SINDACATI, DONNE E UOMINI CHE IN QUESTI ANNI SI SONO BATTUTI CONTRO LE MOLTEPLICI FORME D'INGIUSTIZIA, DI DISCRIMINAZIONE E DI PROGRESSIVO DETERIORAMENTO DEI DIRITTI, DECIDONO OGGI DI PROMUOVERE UN CAMMINO COMUNE.

Nella playlist i video con tutti gli interventi integrali di: Maurizio Landini, Claudio Riccio, Gigi Malabarba, Stefano Rodotà, Francesco Raparelli, Sandra Bonsanti, Gianmarco De Pieri, Giuseppe De Marzo, Michele De Palma, Amedeo Ciaccheri, Danilo Lampis, Maria Maranò, Riccardo La Terza.

Pubblicato in TV - Coalizione Sociale

Roma 28 marzo 2015 Piazza del Popolo Manifestazione Nazionale della FIOM-CGIL - Unions per i diritti, lavoro, democrazia, giustizia sociale, legalità, reddito, Europa.
Nella playlist i video con tutti gli interventi da piazza del Popolo: Maurizio Landini, Stefano Rodotà, Amanda Garrau, Giuseppe De Marzo, Alessandro Torti, Domenico Maugeri, Giovanna Cavallo, Maria Meddaoui, Giacomo Zolezzi, Sandra Bonsanti


Visualizza il nostro storify con i video, i tweet le immagini della manifestazione

Pubblicato in TV - Coalizione Sociale

Rodotà

di Stefano Rodotà pubblicato su Micromega il 15 marzo 2015

 

Entrata nell’uso, l’espressione “coalizione sociale” è stata ieri ufficializzata da Maurizio Landini. Come, e perchè, si cerca una nuova forma dell’azione politica collettiva? Negli ultimi tempi si è delineato un rapporto tra Stato e società, o piuttosto tra governo e società, segnato da un forte riduzionismo, dove l’unico soggetto sociale ritenuto interlocutore legittimo è l’impresa.

Pubblicato in Politica
Sabato, 11 Maggio 2013 17:26

La cosa giusta

Sinistra Ecologia e Libertà organizzando questa manifestazione dell’11 maggio a Roma vuole contribuire a costruire una sinistra moderna, europeista, di popolo che metta al centro i beni comuni, il lavoro, i diritti civili e sociali, la riconversione ecologica dell’economia. Intervengono: Stefano Rodotà, Concita De Gregorio, Maurizio Landini, Salvatore Carpentieri, Nichi Vendola.

Pubblicato in TV - Manifestazioni
Pagina 1 di 3

Agenda

Nessun evento trovato

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa.